Fan e convergenza, una riflessione per iniziare.

Una riflessione teorica sui fan.

Leggendo la parola fan, cosa vi viene in mente? Potreste pensare alle orde di ragazzine urlanti che rincorrono i Beatles e averne un’accezione negativa. Potreste pensare alle persone che con i loro sforzi salvano una serie TV dalla cancellazione e averne un’accezione positiva.

Con il termine “fan” si indicano tutte le persone che sono appassionate, più o meno intensamente, di un qualsiasi prodotto multimediale: film, serie TV, musica o libri. I fan sono diventati il centro delle strategie di marketing delle industrie, sono coinvolti dalle aziende di comunicazione per la promozione del prodotto e sono liberi di agire senza andare a scontrarsi con gli interessi e i diritti economici della corporates.

Fan, Live, Dua Lipa

Quando si pensa ai fan la mente va subito al mondo della musica, ma c’è molto di più da scoprire…

Il saggista Henry Jenkins ha analizzato il fenomeno dei gruppi di fan descrivendolo con il termine “convergenza.”
La convergenza […] è sia un processo discendente, dall’alto verso il basso, guidato dalle corporation, che una dinamica ascendente, dal basso verso l’alto, guidata dai consumatori. […] Le imprese mediatiche stanno imparando ad accelerare il flusso dei contenuti attraverso i canali di ricezione per aumentare le occasioni di introiti, allargare i mercati e rafforzare la lealtà dei consumatori. Questi ultimi, a loro volta, imparano a usare le diverse tecnologie mediatiche per condurre il flusso sotto il loro controllo e interagire con gli altri consumatori.[…] La convergenza richiede ai media di ripensare i vecchi concetti di consumo che hanno plasmato i processi decisionali di programmazione e di marketing.” Jekins H., Cultura Convergente, 2007, Apogeo, pp. XLI – XLII

Le case di distribuzione di un qualsiasi prodotto multimediale utilizzano al massimo il web dove questi gruppi di sostenitori hanno sempre più spazio, soprattutto i social network, per coinvolgere il pubblico, per aumentare la propria notorietà e di conseguenza, si spera, gli utili.

Le aziende di comunicazione stanno dando sempre più spazio agli utenti, al bacino di fan, a volte già presente, a volte da costruire, di un prodotto multimediale. È meglio utilizzare dei fondi per far rimanere un hashtag tra i Trending Topic di Twitter oppure coinvolgere i fan di quel prodotto multimediale promettendo in cambio un gadget o un premio anche di poco valore economico, ma di grande valore emozionale per loro? Premiare i sostenitori permette anche di rafforzare la lealtà di questi, cosa assolutamente da non trascurare.

È importante che s’instauri un rapporto di fiducia e collaborazione tra i sostenitori e l’azienda di comunicazione, per far sì che il risultato del coinvolgimento sia il migliore possibile.

Social Media, Fan, Social Media Marketing

Come si muovono i fan sui social media? Come possono essere coinvolti nella promozione di un prodotto multimediale?

Dopotutto un singolo fan passa già il proprio tempo a supporto di un prodotto multimediale: navigando su Facebook sulle pagine fan, twittando i suoi pareri riguardanti la trasposizione del libro in film, per esempio. Tempo che potrebbe sembrare quasi perso. Cosa succederebbe se durante questo arco temporale, il fan si attivasse portando a termine delle piccole azioni, come condividere un video oppure twittare un determinato hashtag, che possono coinvolgerlo attivamente nella campagna promozionale di quel prodotto multimediale? Quel tempo non sarebbe più perso, sarebbe del lavoro che il fan attua per conto dell’azienda di comunicazione.

Se tutti i fan fossero raccolti e gestiti per svolgere queste attività, l’azienda potrebbe risparmiare sul budget per la sponsorizzazione dei video su Facebook o sulla sponsorizzazione degli hashtag su Twitter.
Dopotutto i fan riescono a organizzarsi e a ottenere dei risultati straordinari, il tutto autogestendosi, quali risultati raggiungerebbero se guidati?

Beatrice Feudale

Beatrice Feudale

Social Media. Musica. Cinema. Serie TV. FAN. Come dissi alla mia discussione di laurea: "I fan sono importanti." e non mi stancherò mai di ripeterlo.

Leave a Comment